Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo

A Ottawa negli ultimi anni i sostenitori della Fondazione Prem Rawat (TPRF) hanno organizzato una serie di eventi piuttosto originali per la raccolta fondi. David Protchard (nella foto in alto a sinistra in uno di questi eventi) ci racconta in questo blog cosa hanno fatto.

Siamo stati molto ispirati dalla visione di Prem Rawat di come il programma Food for People  possa aiutare la gente di Bantoli, in India. Così sono partite diverse iniziative.

Di tanto in tanto a qualcuno di noi viene in mente un’idea per la raccolta fondi e così la realizziamo. Ultimamente ci siamo impegnati in una giornata di informazione e di incontro cui hanno partecipato 25 persone. Abbiamo mostrato il documentario Inside Peace, (La pace dentro), abbiamo fatto un delizioso pranzo insieme con pietanze portate da tutti noi, seguito da un’asta silenziosa e da una riffa e abbiamo mostrato due video di Prem Rawat su Food or People. In tutto abbiamo raccolto 440 dollari USA.

Mia moglie possiede un ristorante vegetariano che si chiama The Pantry e che è diventato la base per molte delle nostre iniziative di raccolta fondi. Negli ultimi quattro anni, a Natale, ne abbiamo fatte una serie chiamata “I giorni della TPRF”. All’inizio di dicembre abbiamo offerto a Food for People tutte le ricette del Pantry. Abbiamo fatto girare dei volantini che parlavano del programma e abbiamo messo in mezzo un bel vaso di vetro per le donazioni. Questa iniziativa ci permette in genere di raccogliere da 475 a 600 dollari con un impegno minimo e rappresenta forse il giorno lavorativo più divertente di tutto l’anno.

Un’iniziativa piuttosto insolita ha riguardato un dipinto del XIX secolo donato da una persona che lo aveva trovato nella spazzatura. Lo abbiamo appeso dentro al ristorante e lo abbiamo offerto in un’asta silenziosa. Tuttavia nessuno ha mostrato il benché minimo interesse per il quadro e non abbiamo ricevuto neanche una sola offerta. Poi l’ultimo giorno dell’asta, quando avevamo perso ogni speranza di venderlo, uno dei nostri clienti abituali ci ha offerto 335 dollari.

L’evento di raccolta fondi di cui vado più orgoglioso è stato uno spettacolo che abbiamo organizzato al Pantry. Lo spettacolo Melody Moore è un monologo su Thomas Moore, poeta e musicista irlandese del XIX secolo. È stato scritto e recitato da Richard Hanna, attore, cantante e artista della Nuova Zelanda, che generosamente ha offerto il suo lavoro in modo gratuito perché era rimasto colpito da Food for People. Lo abbiamo presentato al ristorante e la sala da pranzo è stata trasformata per una sera in un piccolo teatro con oltre 50 posti. Abbiamo venduto tutti i biglietti, al prezzo di 16 dollari. Prima della rappresentazione abbiamo mostrato un breve video su Food for People e alla fine abbiamo offerto tè e caffè. Riuscendo a sistemare dentro anche altri clienti in piedi abbiamo raggiunto la cifra di 1200 dollari: una conclusione perfetta per una serata memorabile.

Nel 2012 abbiamo organizzato una serata a tema su Star Wars in una sala del quartiere. Un membro del nostro team era in contatto con un gruppo di fan che si vestivano come i personaggi del famoso film per sostenere eventi di beneficienza. A un pubblico di circa 200 tra adulti e bambini abbiamo mostrato il film Star Wars e le persone vestite come i suoi personaggi. Abbiamo anche mostrato un video su Food for People, raccogliendo in totale 877 dollari.

Considerando che nel nostro gruppo abbiamo quasi tutti superato i 60 anni, penso che ce la siamo cavata abbastanza bene, anche a spostare mobili pesanti e attrezzature. In linea di principio, copriamo noi tutte le spese delle iniziative di questo genere, così che ogni singolo centesimo raccolto vada alla TPRF. Cerchiamo anche di dare qualcosa di valore – una cena, uno spettacolo o un film – in cambio delle donazioni. Il denaro raccolto è stato solo una parte dell’esperienza. Partecipare al lavoro della fondazione Prem Rawat, per poco che possiamo fare, porta una dimensione in più alla nostra vita quotidiana.

 

 

Share this story

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail